Disagio sociale

indietro | stampa
Home - Disagio sociale
immagine non significativa con licenza creative commons tratta da Flickr I servizi offerti si rivolgono a persone in situazione di grave disagio sociale, con problematiche relative a: mancanza di dimora, condizioni di povertà materiale ed esistenziale, disoccupazione prolungata, isolamento sociale, marginalità, emarginazione, segnalati dai servizi di territorio o che chiedono individualmente di essere supportati, in funzione della loro inclusione lavorativa e sociale tramite le seguenti attività di orientamento, formative, di accompagnamento e inserimento lavorativo mirato:
  • Colloqui psicologici/di orientamento
  • Bilanci di competenze
  • Incontri individuali/di piccolo gruppo orientativi alle scelte formative/lavorative
  • Accompagnamento al colloquio assuntivo in azienda
  • Stage Osservativi in cooperativa sociale
  • Stage Osservativi in azienda
  • Stage Osservativi/formativi, in particolare su competenze informatiche
  • Moduli formativi individuali nel campo delle professioni informatiche
  • Moduli formativi propedeutici o complementari ai tirocini in azienda
  • Percorsi di formazione professionale
  • Tirocini formativi finalizzati all'acquisizione/consolidamento di competenze relazionali e prestazionali
  • Tirocini formativi finalizzati all'inserimento lavorativo mirato in aziende con -disponibilità manifestata all'assunzione
  • Supporti formativi/di adattamento professionale post inserimento lavorativo
  • Facilitazione per la presa in carico da parte dei servizi di territorio di persone non seguite e per l'integrazione in ambiti associativi e gruppi sociali

Referente attività: Leonardo Callegari tel. 051 230449 - mail: lcallegari@csapsa.it

Servizi offerti:

Comunità educativeLa comunità educativa è una struttura socio-assistenziale residenziale destinata a preadolescenti ed adolescenti ai quali la famiglia non è in grado di assicurare le cure opportune o per i quali non è possibile la permanenza nel nucleo familiare originario anche per un tempo prolungato.
CSAPSA cooperativa sociale gestisce comunità educative sin dal 1981, dapprima in convenzione con i servizi sociali dell'Ausl di Bologna poi, dal 1999 anche con gestione a retta accogliendo minori provenienti anche da altri comuni della regione Emilia Romagna.
Il modello di gestione delle attuali tre comunità educative attive con i dettagli organizzativi e tecnici e metodologici, descritto nel Progetto Generale scaricabile dal sito, si è consolidato in molti anni di esperienza e con l'accoglienza di decine di minori.
Educativa di strada

Progetto di educativa di strada "Guarda oltre"

I giovani che risiedono nelle periferie e nei paesi della cintura di Bologna non usufruiscono del territorio secondo la sua divisione in comuni, ma spaziano da una zona all'altra dove i mezzi di trasporto pubblici lo consentono permettendo il raggiungimento di luoghi di aggregazione, e la creazione di "compagnie" come conseguenza di frequentazioni e scambi in zone diverse da quelle più isolate.
L'educativa di strada di CSAPSA Cooperativa Sociale è attivata in provincia di Bologna nella Valle del Samoggia comprendendo i comuni di Monte S. Pietro, Crespellano, Bazzano, Monteveglio, Castello di Serravalle, Savigno.
La divisione territoriale dell'intervento presume che l'unità operativa di strada composta da un gruppo di quattro educatori agisca localmente su ogni singolo comune della valle.

Educazione al lavoroLe attività di educazione al lavoro sono attive dal 1999. Interessano i territori dei Comuni che fanno riferimento al Distretto di Casalecchio di Reno (Monte S. Pietro, Crespellano, Bazzano, Monteveglio, Castello di Serravalle, Savigno, Sasso Marconi). Sono attività rivolte a minori con evidenti difficoltà di inserimento in ambito scolastico, formativo, lavorativo e sociale in carico al Servizio Sociale Minori. L'intervento prevede la presenza di Educatori professionali a riferimento delle aree territoriali definite.
Gruppi socio-educativi

I Centri socioeducativi e di aggregazione

I Centri sono attivi da anni sul territorio cittadino, nei quartieri Reno, Borgo, Porto, Saragozza, S. Stefano, Savena. Sono gestiti dalla Coop C.S.A.P.S.A in collaborazione con il Comune di Bologna.
Sono rivolti a bambini dai 6 agli 11 anni e a ragazzi dagli 11 ai 15 anni di età segnalati dal Servizio Minori e Famiglie.
Lo spazio dei centri è un luogo d'incontro, di opportunità e risorse, complementare alla scuola, alla famiglia e ai gruppi spontanei.
Le attività sono gestite da una coppia educativa, formata da un'educatrice e un educatore, che offre ai bambini e ai ragazzi la possibilità di relazionarsi con figure adulte positive di riferimento che integrano i modelli già conosciuti e favoriscono l'elaborazione dei vissuti quotidiani.
Il Fondo indigenti 
  • 5 elementi trovati - pagina 1/1